Licopene

FONTI DEL LICOPENE

Il licopene appartiene alla famiglia dei carotenoidi ed è il colorante rosso presente nel pomodoro ed in molte varietà di frutta e vegetali. I carotenoidi presenti in natura sono oltre 600, solo 20 dei quali sono stati ritrovati nel sangue e nei tessuti umani. Il licopene è il carotenoide maggiormente presente nel sangue umano, seguito da β-carotene, luteina e zeaxantina.

Le principali fonti di licopene sono i pomodori e tutti prodotti da essi derivati, dal momento che costituiscono la fonte dell’85% del licopene presente nel corpo umano.

Il contenuto di licopene nei pomodori è variabile e dipende principalmente dalla varietà e dal suo grado di maturazione. Le più comuni varietà di pomodori possono contenere 30-80 mg di licopene per kg di prodotto fresco. Nelle varietà alto-produttrici si possono raggiungere anche 150-300 mg o più nel caso di varietà geneticamente modificate.

pomodoro_1

CARATTERISTICHE DEL LICOPENE

Come tutti i carotenoidi, il licopene ha un elevato potere antiossidante. Gli antiossidanti sono una categoria di composti chimici che hanno la capacità di bloccare l’azione dei radicali liberi. I radicali liberi sono prodotti di scarto, che si formano naturalmente all’interno delle cellule del corpo, in seguito ai processi metabolici di ossidazione, che prevedono l’utilizzo di ossigeno per produrre energia.

In minima quantità, i radicali liberi aiutano il sistema immunitario nell’eliminazione dei germi e nella difesa dai batteri; quantità più elevate, invece, possono essere molto dannose per l’organismo.

L’azione distruttiva dei radicali liberi è indirizzata sulle cellule, in particolare sui suoi costituenti, come: i lipidi, che ne formano le membrane; gli acidi nucleici, in particolare il DNA (acido desossiribonucleico) dove provocano l’alterazione delle informazioni genetiche; gli zuccheri; le proteine e gli enzimi.

L’azione continua dei radicali liberi si evidenzia soprattutto nel precoce invecchiamento delle cellule e nell’insorgere di varie patologie gravi come il cancro, malattie dell’apparato cardiovascolare, diabete, sclerosi multipla, artrite reumatoide, enfisema polmonare, cataratta, morbo di Parkinson e Alzheimer, dermatiti.

L’organismo umano si difende naturalmente dai radicali liberi grazie a degli antiossidanti endogeni, come la superossido dismutasi, la catalasi e il glutatione.
Tuttavia, l’organismo non è sempre in grado di combattere autonomamente l’attacco da parte di un’elevata quantità di radicali liberi, per cui è necessario un apporto esterno di sostanze antiossidanti.

I principali antiossidanti che vengono assunti con la dieta sono i carotenoidi (licopene, β-carotene, luteina), i polifenoli (tannini, flavonoidi, antocianine) e le vitamine (A, E, C).

Gli agenti antiossidanti possono agire singolarmente o interagire tra di loro, proteggendosi a vicenda nel momento in cui vengono ossidati.

Ogni antiossidante ha un efficacia di azione limitata ad uno o due specifiche specie radicaliche. Pertanto, solo un’alimentazione completa ed equilibrata può garantire un’efficace apporto di sostanze antiossidanti.

IMPORTANZA DEL LICOPENE

Diversi studi scientifici hanno dimostrato che il licopene possiede un energico potere antiossidante, 2 volte superiore a quello del β-carotene e 10 volte a quello della vitamina E.

Le sostanze antiossidanti sono molto importanti perché contrastano e bloccano l’azione distruttiva dei radicali liberi nel corpo umano, svolgendo una fondamentale funzione protettiva del sistema cardiovascolare (es. aterosclerosi, ipertensione, infarto, tramite riduzione della ossidazione del colesterolo LDL) e preventiva nei confronti di tumori (pancreas, apparato digerente, prostata, seno, fegato, pelle), di malattie degenerative del sistema nervoso centrale (Alzheimer, Parkinson), dell’osteoporosi, di alcune forme di diabete (mellito); della degenerazione maculare senile (DMS), della infertilità maschile e dell’invecchiamento della pelle.

Il licopene è una delle sostanze antiossidanti che contribuiscono in misura maggiore al benessere ed alla salute umana.

Il Licopene non viene sintetizzato dall’organismo umano e può essere assunto solo tramite dieta e/o integratori alimentari. Il licopene con cui sono realizzati gli integratori alimentari presenti in commercio può essere sintetico o naturale.

Il licopene, sintetico o naturale, viene prodotto con processi che fanno uso di solventi chimici, tossici e nocivi. Il prodotto finito ottenuto (licopene sfuso) contiene residui di solventi chimici di processo, che possono essere tossici e nocivi anche a bassissime concentrazioni.

Antiossidanti a confronto

10% Complete
50% Complete
100% Complete

LICOPENE SINTETICO, NATURALE E BIOLOGICO

Il licopene sintetico viene prodotto attraverso reazioni chimiche con materie prime sintetiche in presenza di solventi chimici. Il prodotto finito è sintetico e contiene residui di sostanze tossiche e nocive.

Il licopene naturale viene prodotto per biosintesi nei vegetali. Esso viene estratto dai vegetali con solventi chimici. Il prodotto finito è naturale ma contiene residui di sostanze tossiche e nocive.

Il licopene biologico viene prodotto per biosintesi nei vegetali. Il licopene biologico viene estratto dai vegetali con un processo innovativo che non fa uso di solventi chimici tossici e nocivi. Il prodotto finito è naturale al 100%, è privo di residui di solventi chimici ed è certificato biologico (Certificato Nr. IT BIO 006 PL0328).

US FDA – DEFINIZIONE DI LICOPENE SINTETICO, NATURALE E BIOLOGICO