Produzione Licopene

PRODUZIONE DEL LICOPENE

Le caratteristiche di qualità del licopene dipendono dal tipo di processo di produzione con cui esso viene ottenuto. Il licopene può essere prodotto con due tecnologie completamente diverse:

  • processo tradizionale che fa uso di solventi chimici (licopene sintetico e licopene naturale)
  • processo innovativo che non fa uso di solventi chimici (licopene biologico).

La presenza o meno di solventi chimici nel processo di produzione, influenza in maniera fondamentale la qualità dei diversi tipi di licopene ottenuto.

PRODUZIONE DI LICOPENE SINTETICO

Il Licopene sintetico viene prodotto attraverso una serie di reazioni chimiche, partendo da materie prime sintetiche ed in presenza di solventi chimici tossico-nocivi. Il licopene ottenuto è sintetico e può contenere residui di solventi chimici ed altre impurezze (come intermedi di reazione e materie prime non reagite), che possono essere molto tossiche e nocive anche a bassissime concentrazioni.

La tecnologia di produzione del licopene sintetico presenta un elevato impatto ambientale.

Il licopene sintetico sfuso è molto concentrato (90-95%) e non è adatto per un consumo umano diretto in quanto è insolubile nella soluzione acquosa, presenta problemi di biodisponibilità e si degrada con facilità. Gli integratori alimentari a base di licopene sintetico sono ottenuti diluendo il licopene sfuso concentrato sino a valori variabili da 1% a 10% con lipidi, conservanti ed altri composti chimici esogeni.

PRODUZIONE DI LICOPENE NATURALE

Il Licopene naturale viene estratto dal pomodoro o dagli scarti della lavorazione del pomodoro (buccette) con solventi chimici. Le bacche di pomodoro utilizzate sono libere da vincoli e possono essere anche geneticamente modificate (Varietà OGM) e/o trattate con pesticidi ed altri fitofarmaci. I contaminanti, eventualmente presenti, si concentrano principalmente nelle buccette. Il Licopene estratto dal pomodoro è naturale, però l’estrazione con solventi chimici conduce ad un prodotto contenente residui di solventi chimici tossici e nocivi ed altre impurezze (come eventuali pesticidi presenti sulla bacca che vengono estratti e che si possono trovare nel prodotto finito; altre impurezze tossiche possono essere contenute nei solventi o provenire dal processo).

Anche la tecnologia di estrazione del licopene naturale presenta un elevato impatto ambientale.

ll licopene sfuso ottenuto è concentrato (50-60%) e non è adatto per un consumo umano diretto in quanto, come nel caso del licopene sintetico, è insolubile in soluzione acquosa e presenta problemi di biodisponibilità.

Gli integratori alimentari a base di licopene naturale sono ottenuti diluendo il licopene concentrato sino a valori variabili da 1% a 10% con lipidi, conservanti ed altri composti chimici esogeni.

PRODUZIONE DI LICOPENE BIOLOGICO

La Pierre Srl (ex Pierre Chimica Srl), il CNR Ispa e l’ Università del Salento hanno messo a punto un nuovo metodo di produzione del licopene naturale, senza solventi chimici, ottenendo un prodotto finito di qualità biologica: il “licopene biologico“.

Il Licopene biologico viene estratto da bacche di pomodoro certificate biologiche (No uso di varietà geneticamente modificate – OGM -, No presenza di pesticidi, diossina e/o metalli pesanti) con un processo innovativo e brevettato (WO/2008/015490) che fa uso di anidride carbonica in condizioni supercritiche, al posto dei tradizionali solventi chimici tossici e nocivi.
Il Licopene ottenuto è naturale al 100%, privo di solventi chimici e certificato biologico (Reg. CE 834/2007). Il licopene biologico è privo di tossicità (assenza di solventi chimici ed altre impurezze) e presenta una elevata biodisponibilità naturale e pertanto può essere utilizzato tal quale come integratore alimentare senza alcuna aggiunta di conservanti o additivi per aggiustamento o modifica della composizione.

Il Licopene Biologico è prodotto con la migliore tecnologia attualmente disponibile dal punto di vista della qualità del prodotto finito e del rispetto dell’ambiente.

LICOPENE BIOLOGICO BULK

flusso

 

TECNOLOGIA DI PRODUZIONE

La tecnologia utilizzata per la produzione del licopene biologico è innovativa1,2 e brevettata (brevetto n. 0001354930) e non fa uso di solventi chimici tossici e nocivi. Essa consente l’ottenimento di un prodotto della massima qualità e non inquina l’ambiente.

EPSON DSC picture

Principio di funzionamento

Se la pressione è sufficientemente elevata, alcune sostanze che sono gassose a temperatura ambiente, possono liquefare ed essere utilizzate come solventi per l’estrazione di sostanze naturali da vegetali.

L’anidride carbonica (CO2), a temperature superiori a 31°C (temperatura critica) e pressioni superiori a 73 bar (pressione critica), assume caratteristiche intermedie tra il liquido ed il gas, e può essere usata come solvente per estrarre principi attivi poco polari ed a basso peso molecolare da materie prime vegetali e/o animali.

 Vantaggi della Tecnologia

L’uso dell’anidride carbonica come solvente di estrazione, rispetto ai tradizionali solventi chimici tossici e nocivi, presenta significativi vantaggi che si possono riassumere brevemente

  • Produzione di estratti vegetali di alta qualità e privi di residui di solventi chimici, generalmente tossici e nocivi.
  • Processo di produzione più semplice e più breve con un impianto assolutamente ecologico, senza produzione di scarti e/o liquami di lavorazione e/o emissione in atmosfera di sostanze inquinanti. Infatti l’anidride carbonica con cui si estrae il licopene dalle bacche di pomodoro non è tossica né nociva (si respira), non è infiammabile (si usa per spegnere gli incendi e non causa danni all’ambiente né alle persone) ed è economica. Terminata la lavorazione, essa non rimane nel prodotto finito perché è un gas a temperatura e pressione ambiente.
  • L’uso di anidride carbonica (CO2) come solvente di estrazione minimizza l’esposizione del lavoratore alle problematiche di igiene e sicurezza del lavoro, comuni in tutti gli impianti chimici che fanno uso di tecnologie tradizionali a base di solventi chimici tossici e nocivi.
Referenze:

1. Innovative supercritical CO2 extraction of lycopene from tomato in the presence of vegetable oil as co-solvent. J.of Supercritical Fluids 29 (2004) 87-96. Giuseppe Vasapolloa, Luigia Longoa , Leonardo Resciob, Loredana Ciurliab – (a) Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione, Università di Lecce, Via Arnesano, 73100 Lecce, Italy – (b) PIERRE CHIMICA srl., s.s. 476 Km 17, 650 Galatina (LE), Italy.

2. Supercritical carbon dioxide co-extraction of tomatoes (Lycopersicum esculentum L.) and hazelnuts (Corilus avellana L.). A new procedure in obtaining a source of natural lycopene. Journal of Supercritical Fluids 49 (2009)-338-344. Leonardo Rescio, Loredana Ciurlia, Mauro Bleve. PIERRE SRL, SP 362 km 17,650, 73013 Galatina (LE) Italy.